m0ltitudini

da bambino giocavo con le pentole

UNTI DA GRILLO

Ed è già pronto, ma guarda un po’, il prologo al partito di Grillo.
Liste civiche "benedette" dall’alto, unte dal signore con garanzia certificata.
Primo esplicito caso (anzi, il secondo, dopo forza italia) di movimento politico la cui legittimazione avviene strutturalmente  dall’alto. Da una faccia su una t-shirt.
E’ probabile che sia già allo studio l’inno ufficiale.
Presumo se ne occuperà Liguabue, che starà già studiando un appasionato ed orecchiabile pezzo che verterà attorno agli abituali e lirici  "culo, merda, autogrill, gnocca, vaffanculo".

Mi immagino già la lista di arrivisti-cerca-poltrone che, di città in città, con le liste civiche girllesche, cercheranno un posto al sole.
Perchè a Genova uno già c’è, non dubito che sia così anche altrove.
Qui uno dei più visibili amici di Grillo è tal Christian Abondanza. Uno che a 30 anni aveva già girato più partiti di Mastella. Inizio extraparlamentare, poi rifondazione, comunisti unitari, pds, italia dei valori. Si è candidato ovunque. Forse dimentico qualcosa.
E’ stato uno dei primi ad avere il telefono cellulare a Genova, probabilmente per contattare la questura durante i cortei per segnalare ciò che non gli andava.
Uno però…gli si ruppe, rovinando sull’asfalto,  nel 1994.

C’è una battuta di Grillo che secondo me è indice della sua cattiva fede.

Ripete spesso, ingenuamente finto-stupito (e tutti a ridere divertiti) che è incredibile che un politico apra un blog per rispondere a lui, che in fondo è solo un comico. Che Brown mica apre un sito per rispondere a mister Bean.

Ma mister Bean mica ha dato il via al "Bean party" con contrassegno recante mini cooper gialla e nera, mica aiza le masse. Oh, niente di male a farlo. Ma se lo si fa poi non si giochi al ruolo del povero comico stupito cdal fatto che i politici gli rispondono.

Ma poi  sono le risposte date a Grillo dai politici che sono straordinarie. E’ oramai una battaglia tra comici.
Ieri Prodi ha affermato che il comico deve passare alla proposta.
Ed ha poi elencato i problemi,  partendo, suppongo,  in ordine gerarchico di priorità. Grillo, dice Prodi, deve dirci che vuole fare "dei lavavetri, come affrontare i problemi, i trasporti...".

I lavavetri. Prima, fondamentale, drammatica emergenza nazionale.

Questo è un paese "bellissimi".

Annunci

Navigazione ad articolo singolo

36 pensieri su “

  1. macché Prodi, Grillo o Berlusconi (o Brambilla).. io alle prossime politiche voto direttamente Mr. Bean.
    parla poco e fa molti danni: la produttività è maggiore!
    😉

  2. davvero un paese “bellissimi”, dove da giorni non si fa altro che parlare di questo, con tanto di speciali tv, ecc.
    non credo Prodi abbia fatto un elenco in ordine di importanza, quanto forse abbia citato problemi scomodi da affrontare, soprattutto per chi parla con slogan populisti. ma già il fatto che abbia sfidato Grillo (o vi sia stato costretto dal montare degli eventi) mi mette tristezza.
    e però tacere è impossibile, perché non è solo un comico a parlare, ma ci sono centinaia di migliaia di cittadini (peraltro potenziali elettori) che cercano di far sentire la prorpia voce. impossibile e forse ingiusto ignorarli.
    insomma qualsiasi cosa si faccia, si sbaglia. ripeto, che tristezza.

    p.s. ma Abbondanza… mica l’hai inavvertitamente “scontrato” tu, passeggiando, nel ’94…? 😉

  3. ahahaah cazzo i lavavetri! Menomale che mi hanno aperto gli occhi sul problema gravissimo dei lavavetri!

  4. Franco..d’accordissimo.
    p.s. no, giuro, non lo scontrai io.

  5. @franco
    però su Prodi non so….resto dell’idea che aver citato i lavavetri come primo problema fosse ritenere ciò uno dei principali drammi che ci affliggono….magari hai ragione tu.

  6. Ieri sera mi sono addormentato davanti allo special di Minoli…

  7. mah, non so… è l’impressione che ho avuto, ma sono ipotesi filtrate dai miei sensi, ovviamente.

  8. io non sono mai stata una grillesca sfegatata, ammetto ho sorriso spesso alle sue battute e annuito spesso alle denunce, però sono anche consapevole che alla fine è tutto un magna magna… e non è una leggenda il fatto che anni or sono Grillo girasse in Ferrari… ormai mi fanno schifo tutti politici e politichesi… però riconosco un pregio alle parole di Grillo che tira in ballo argomenti scomodi e fa innervosire i politici e in un certo senso informa anche gli ignoranti (=coloro che ignorano) di temi scottanti (almeno per ora finchè non sarà lapalissiano qualche secondo fine)…

  9. FraDolcino in ha detto:

    Stai diventando un vecchio moralista, nichilista e massimalista. Ma dimmi un po’: che hai fatto alla notte bianca?

  10. FraDolcino in ha detto:

    Comunque la situazione che sta provocando grillo è la più divertente e situazionista che vedo da anni.

  11. AnelliDiFumo in ha detto:

    Sono d’accordo con fra Dolcino: Grillo è il fenomeno più situazionista (e io direi anche dada) che non si vedeva da anni, in politica.

    Non per difendere questo Abondanza, ma Mastella è passato da una coalizione all’altra, mentre il tizio di cui parli tu è sempre rimasto dalla stessa parte. Anche se tra Prc e Di Pietro… ce ne passa!

  12. @fradolcino…il moralista sei te !!!
    😛

    la notte bianca?
    mah…niente di che.

  13. sulla lista civica, ho scritto e strascritto.
    Questi Benedetti e Santi Subito cittadini grilleschi che faranno quando saranno a contatto con la politica locale?Come sapranno regolamentarsi,analizzare politicamente e non con slogan le dinamiche del piccolo paese fino a quelle nazionali?
    Mi sembra che il paese non sia nuovo a questi entusiasmi
    Dopo 30 anni e passa di dittatura democristiana-e servilismo pcista- arrivò Tangentopoli.Tutti si misero a fare i stessi ragionamenti odierni:ladroni,ah fijio de mignotta,ecc…Che successe?Arrivo Berlusconi e questa ignobile seconda repubblica.Ora con Grillo,in modo diverso si ripete la storia.Chissà dove finiremo.Spero solo di vincerla sta guerra contro i lavavetri,che poi rotto l’incantesimo maligno e zingaresco..Finirà la precarietà ,le morti bianche e tutto il resto vero?
    Grillo è un ipocrita perchè deve spiegare come faranno le sue liste a sopravvivere senza la sua “forza”,suvvia…

  14. @fra dolcino
    cmq, a “naso”, te non potresti esser eletto, mi sa.
    @viga
    quasi d’accordo, direi!

  15. perchè scomodare Ligabue?
    L’inno questi del V-Day ce l’hanno di già

    eccolo

    Tu che sei innocente
    tu che non hai fatto niente
    tu che ti lamenti
    perchè ti hanno imbrogliato
    allora adesso senti:

    Tu andrai in prigione
    in prigione, in prigione
    proprio tu, in prigione
    e che ti serva da lezione!

    Tu che hai rispettato
    le leggi dello stato
    ti senti sfortunato
    ti senti perseguitato, offeso
    amareggiato, allora:

    In prigione, in prigione!…

    Tu che hai calcolato
    tu che hai provveduto
    tu che non hai mai sgarrato
    tu che alla giustizia
    ci hai sempre creduto

    Tu andrai in prigione!

    Tu che indaghi sempre
    sul conto della gente
    e non ti fermi alle apparenze
    ma analizzi, scavi e poi
    sputi le sentenze, allora:

    In prigione, in prigione!

    Tu che sei avvocato
    serio e preparato
    ridi e scherzi poco
    ma conosci tutte le regole
    del gioco, allora:

    In prigione, in prigione!

    e tutti i professori
    medici e dottori
    notabili e avvocati
    e tutti i capi
    dei sindacati, tutti!

    Tutti quanti in prigione!

    Quanta gente onesta
    tutta preparata a festa
    che si avvia verso il mare
    li dovete bloccare, fermare
    catturare, si

    per madarli in prigione!
    in prigione, in prigione
    tutti quanti in prigione
    e che vi serva da lezione!

    In prigione, in prigione
    in prigione, in prigione!
    E non dò spiegazione!

    coro anche tu in prigione
    tu vuoi fare il santone
    anche tu in prigione
    anche tu in prigione!

    no lasciatemi!
    c’è un errore
    io sono il giudice
    lasciatemi, c’è un errore
    no, no, c’è un errore!…

    e.bennato-in prigione in prigione album burattini senza fili

  16. ahahahaha, Viga!
    no..ligabue si presta meglio.

    @anello
    sulla preferenza avrei da aggiungere alcune riflessioni..ma troppa “carne al fuoco”, come si dice.

  17. Beh, la schiena del Grillo dovrà esser ben larga e robusta. Vista la difficoltà politica, soprattutto a sinistra, dove si respira l’aria dell’agonia, prima della morte inevitabile (e ci si commuove ai capezzali come Fassino dimostra..), si cerca di saltar in groppa al primo cavallo che capita a tiro, sperando che abbia vitalità sufficiente. Purtroppo son cavalli azzoppati e nati stanchi, probabilmente incapaci di far immaginare lontani orizzonti, sian essi Pd che Cose Rosse.
    Sicchè va bene anche, nella disperazione, la groppa di un Grillo, tutti sopra, salviamoci, da qualche parte ci condurrà pure, gli applausi ci sono, gli spettatori paganti pure… facciam finta di aver sempre aspettato questo momento, di far parte dello spettacolo. E tutti sopra, elettori e politici. E naturalmente Vip, non sia mai che manchino all’appello i Vip (il consenso nel loro lavoro è molto importante).
    Quindi la groppa di Grillo ha sopra già attori, cantanti, ex girotondini esuli e raminghi (nemmeno l’invendutissimo “caimano” di Moretti, che giace invenduto in migliaia di copie nelle Coop gli ha dato entusiasmo poveracci), che eppure avevan tentato di far cosa simile a Grillo bastonando tutti, destra e sinistra, chissà che funzioni per esser più sinceri e credibili. E poi giornalisti, ex Nobel..
    Praticamente è nato ed ha già tutto questo Grillo Party.
    Immancabile, assetato di visibilità mediatica (e chi meglio di Grillo promette di darne in questo momento) Travaglio, arruolato volontario tra i primi (aumenteranno le vendite dei suoi libri suppongo, che cominciano ad esser stantii sugli scaffali ormai..). Elio Veltri dell’Italia dei Valori. Il nobel Dario Fo, quello che non ama parlar del suo passato fascista spacciandosi per comunista della prima ora genuino da sempre.. Lidia Ravera, Tabucchi… tutti firmatari del la Repubblica dei cittadini col suo manifesto che porta anche l’adesione del fallito (mediaticamente) Funari..
    Dario Fo farà da megafono asserendo che Grillo “vuol creare movimento di coscienze, non fare un partito: condivido tutto quello che dice, la gente ne ha le scatole piene di questo modo di fare politica.”
    Insomma, siamo già agli slogan. Di partito appunto. E di liste e di nomi si parla, come in ogni nuovo partito o congrega di partiti e via discorrendo. Insomma, via alla caccia ai posti liberi, tanto per cambiare. Almeno alla visibilità. E naturalmente in questa logica non potevano mancare, sull’attenti e disponibili alle nuove consegne Sabina Guzzanti, Crozza..e come è già stato detto Ligabue e non so se è sfuggito, Gianna Nannini. Tra i comici dunque c’è nutrita schiera (oltre a Fo e Crozza, Paolo Rossi), non manchino nel movimento di coscienze i palchi del nuovo spettacolo e biglietti assicurati. Sul fronte sociale invece Grillo può contare sui raminghi delegittimati dalla politica più che ad esser loro ad averlo fatto don Luigi Ciotti e Gino Strada, fondatore di Emergency. E già, c’era qualcuno che ancora credeva che l’ambizione politica non fosse del puro Strada, tutto dedito ai poveri afghani, terroristi inclusi. A lui interessava solo curar feriti e malati, come no. Eccotelo qua, dopo che i suoi megafoni nel tentativo di far politica si erano spenti senza particolar eco dopo la sua fuga dall’Afghanistan.
    Eccolo qua intruppato nel tentativo di farcela lo stesso ad emergere dove Emergency non è bastato…
    Tra i giornalisti e scrittori quelli che conosco sono solo Massimo Fini e la Gabanelli.
    Eccotelo un altro partito di plastica, bello che confezionato. Virtualmente stavolta, altro che fusioni, addi, Pd, Cose Rosse, Circoli Brambilliani che ora sostituiscono Forzitalia, ora invece no, ora sì, ora li aiutano, ora son paralleli, ora son alternativa… mi domando come si possa iscriversi a quei circoli non sapendo nemmeno ben cosa si è ma pazienza, ogni tentativo di campare politicamente è legittimato dalla politica. E gli elettori si destreggiano nel caos totale.
    Certo era brutto aver l’Italia divisa in due. E per questo Prodi promise sornione e con l’aria del prete misericordioso che vuol pace e amore per tutti che lui vive già per innata natura e dono divino, che ci avrebbe dato un’Italia più felice, più unita. E Prodi si votò in questo sogno idilliaco di italiani a braccetto, festosi, invitandosi l’un l’altro a festeggiar l’Unione del Paese di bengodi, senza tasse, comunque poche, insomma, giusto per far piangere qualche ricco, ma poi gli altri avrebbero vissuto nella gioia del paradiso che per troppo tempo ci è stato negato.
    Ed eccoci qua.
    Mille divisioni. Ed un Grillo. A dir quasi la stessa cosa. E gli italiani dietro, felici e festanti.
    Non si capisce bene quale sia l’effettivo programma dei grillini, ma che importa? Non si capiva nemmeno quello di Prodi, del resto, che importava? L’importante è il Paese felice, finalmente.
    O così, almeno, molti italiani credono ogni volta, mai sazi delle lezioni precedenti.
    Poi mi domando, guardando documentari, come potesse affascinare quel mento “volitivo” buttato in avanti con quella postura pseudovirile petto in fuori.. sembrava un comico, come poteva esser preso sul serio? E la voce poi? Comica a tutti gli effetti. Come poteva quell’uomo dal balcone esser preso sul serio da tanti italiani? Era un comico naturale.
    Ora capisco meglio. Il comico piace all’italiano. Pace se è dal balcone o da internet che fa il suo spettacolo. L’importante è ridere mentre si sogna il Paese unito e felice.
    Fino alla prossima volta.
    Che palle..

    Alieno

  18. FraDolcino in ha detto:

    @moltitudini

    Se non fossi il nichilistamassimalistamoralista un po’ anzianotto che sei, ti direi che:
    ho appena visto i tiggi e un po’ di rassegne stampa in tivvù, e non c’è telegiornale o quotidiano che non si interroghi su grillo. Da diliberto a tremonti son tutti lì che si giustificano e dicono che adesso si tagliano gli stipendi e che cmq grillo la deve smettere anche se in effetti il malessere nel paese c’è!
    Che meraviglia. Non so cosa voglia fare veramente grillo e cosa pensi. Ma quello che voleva l’ha ottenuto alla perfezione, li ha fregati tutti. In più fa pure ridere!
    D’altra parte se in questo paese c’è gente che vuol mettere in galera i disperati, grillo è il giustiziere che si meritano!

    Cmq mi ricordo di te alla notte bianca. M sembravi in forma! Bello fresco!

  19. @fradolcino
    embè..che tutti si interroghino, che dimostra?
    Mica nego la portata della vicenda.

    Anche durante i primi tempi di Bossi (Umberto, dico) non c’era forza politica che non si interrogasse o che non rispondesse ai temi da lui imposti.

    embè?

    Dai su…dire che li ha fregati tutti mi pare eccessivo, caro fraticello…
    nel ’92, mani pulite li fregò tutti, o servì al “sistema” per fingere una ripulita?

  20. Fraticello..il problema è come viene raccolto, gestito, e come viene diretto il diffuso disagio (vedi mio commento ultimo a post precedente).
    Dove lo si convoglia.
    Nel traguardare la, parola di Grillo, democrazia partecipativa americana?
    Mi faccio forza con le posizioni più iluminate..dell’altro fraticello, tuo sodale..vah.

    Su, frate…un po’ più di analisi materialista del fenomeno, dai…
    Notte bianca abbastanza bene, direi.

  21. In realtà, non dovrebbe essere un partito di plastica quanto un franchising di plastica.

    Buongiorno Italia coi bollini

  22. Alieno è tornato!!!!

  23. In realtà quello che Grillo dice (e che il popolo ora non più bue o pecorone ma a ben diritto, grillo…) è che non si salva nessuno, praticamente proprio nessuno della politica: tutti son colpevoli!

    Ma dir che son tutti colpevoli, in fondo è quasi come dire che la colpa non è di nessuno. E’ praticamente come far assoluzione il dar colpa collettiva.
    E tutti in fondo potrebbero esser contenti volendo, politici ma anche elettori, tutti effettivamente, anzi, primi veri colpevoli di averla votata quella politica a cui ora voglion far la pelle con le torce accese in mano. Se son colpevoli un po’ tutti, è come non aver colpa nessuno, tutto sommato.

    Insomma, Grillo, suo malgrado (o no?) assolve tutti nel dar la colpa a tutti. E gli elettori fan finta d’esser state solo vittime mentre affilano i forconi a caccia d’orchi fingendo di non aver dato plausi , glissando su quanto hanno dato perchè quegli orchi fossero eletti. Insomma, tutti colpevoli, tutti innocenti.

    Evviva, evviva, è arrivato il messia che ci ha liberato dal peccato, che è sceso tra noi poveri peccatori, rendendoci puri per un mondo di salvezza…..
    Berlusconi ci aveva promesso la felicità, ma non era lui, pur essendo unto dal Signore.
    Prodi pure, ci aveva promesso la felicità, anzi l’Unione nella felicità, ma non era lui, pur essendo “cattolico adulto”.
    Ora Grillo che promette felicità, perchè “risveglia coscienze”…
    Evviva, evviva, è arrivato il messia, alleluja, che il bollino sia con noi, facciamoci il segno dell’eolico, preghiamo dinanzi al fotovoltaico, scambiamoci il segno del vaffa in pace (che tanto a prenderlo nel didietro non è che si faccia nulla di nuovo, beninteso), portiamo il messaggio di salvezza al mondo, a partir dai lavavetri, che ringraziaranno grati, dopo il servizio col segno distintivo (ma veramente ti mandavano affanculo pure prima, specialmente se chiudevi i finestrini.. erano essi, forse, illuminati profeti?)…
    Alleluja, finalmente si saprà se la Tav si deve fare o no, se lo scalone di Maroni è simpatico, se si deve dar incentivo per andar in pensione prima o allungar i tempi per andarci, per capir se l’aumento di 5 Euro per le buste paga delle forze dell’ordine son giusti per aggiornar il tenore di vita, se l’Ici deve restare oppure no, se in Afghanistan o in Libano è il caso di restarci, se l’integrazione degli extracomunitari funziona o rimbalza, se l’Iran meriterebbe d’esser bombardato o meno, se la farina aumenta è tutta farina del sacco di chi, se il nucleare fa male è giusto che l’Enel vada a costruirselo nei paesi dell’Est, se la soluzione è naturale perchè Grillo vende pure l’energia all’Enel (quindi avanza per tutti, solo volendo) perchè gli africani si incazzano con le nostre piattaforme di estrazione e rapiscono i nostri tecnici…
    Tutto sarà limpido e chiaro, altrimenti tutto questo sostegno che senso avrebbe? Cosa ci sarebbe da aver entusiasmo?
    E’ chiaro che il popolo grillo sa che la soluzione è finalmente arrivata, perchè è arrivato il messia liberatore, altrimenti non avrebbe un cazzo da ridere e rinforzerebbe le toppe al culo, piuttosto, ma no, il messia ci libera tutti, liberaci dal male, Grillo, dillo al mondo, salvaci,
    leggiamo le parole del blog, meditiamo, cerchiamo di diventar grilli adulti, basta aver fede come già quei milioni di contatti del blog-predicatore dimostrano.
    Alleluja!
    Che non osi il demonio tentatore, insinuar che l’antipolitica la fanno già in molti da molto, che pure lo psiconano è antipolitico come un DiPietro, un Bossi, senza andar troppo indietro. Che non osino i profanatori della salvezza ormai giunta a salvarci, dir che c’è puzza di populismo, superficialità, massimalismo, ignoranza, tentativo di non sparir dalla scena nel naufragio collettivo attaccandosi al carro e peggio che mai non si accusi il messia DI FAR POLITICA!
    CHI OSA BESTEMMIAR COSI’!
    Chi osa dir, profanatore di sogni, che il blog-predicatore ha riscoperto un bel po’ d’acqua calda e pretende pure di metterci il suo bollino di riconoscimento, la paternità del brevetto..

    Tu?
    ESCI DA QUESTO CORPO! LASCIA QUEL CORPO POLITICO INFAME!
    Nel nome del Vaffa e con le sacre parole del blog, io te lo ORDINO!
    .

    ALLORA ADERISCI AL BLOG MESSIANICO, unisciti al Vaffa medianico, o perirai nel giorno del giudizio ormai vicino, precipiterai nell’inferno brambilliano o in quello superualteriano o in quello rosso o nel girone dei dannati della scheda bianca – la politica ha molti inferni in effetti – PECCATORE PENTITI!

    Mah!

    Quanto tempo servirà stavolta, all’italiano, per scoprir d’improvviso d’aver voglia del vecchio, semplice, efficace DDT?

    P.S.: per il momento, nell’orgia di goduria del rogo politico, nell’illusione di esser di nuovo partecipi e attori, e con mia difficoltà a capire qale sia programma definito o anche finto che guidi il Paese economicamente e socialmente (per non parlar di politica internazionale, di etica, diritti civili e via discorrendo), continuo a vedere il variopinto popolo grillo (diventerà abbinamento storico come bue o pecora, ne son certo, dopo la sbronza, ad imperitura memoria..) come migliaia di Tafazzi festanti.
    Poi vedremo che ne vien fuori dalle liste in franchising col bollino dell’ex comico lì dietro a tirar fili e timbrare ..in base a qual parametro, a parte la fedina penale non si capisce, anche se l’orientamento mi par propendere a sinistra… ma di quanto? Perchè metter sinistra d’accordo si può per aver governo, ma per governare la cosa è più complessa, mi pare sia chiaro.
    Per ora è festa, pare, nel far la festa alla politica, diventando politica a tutti gli effetti col vezzo di averne preso distanza ma l’italiano apprezza sempre la festa, così come far la festa a qualcuno, comunque vadano le cose.

  24. Alieno…sei matto e prolisso..(troppooo!!!!) ma il tuo commento non mi dispiace.

  25. O beh, prolisso…. è vero. Ma se non altro, ora sparisco per un mese alla volta, almeno, ehehe.
    ^_^

  26. Alieno..ma il tuo blog è morto???

  27. per capire come grillo vuole affrontare i problemi, leggere “le primarie dei cittadini”. I politici sono più comici di Grillo

  28. Ok manz.
    Grazie del brillantissimo contributo.

  29. O è morto o in stato vegetativo. Non so se staccare la spina, probabile che lo faccia prima o poi.

  30. Rispetta la vita alieno..non staccare la spina.

    Però..scherzi a parte: con tutta la voglia che hai nel rompere i cogl…nello scriver nei blog altrui, non capisco perchè non tenga vivo il tuo.

  31. Molto semplice il motivo, per quanto sembri strano. Son già pieno di responsabilità, compiti, doveri, più o meno piacevoli ogni giorno.
    L’idea del blog mi sembra un’aggravare la situazione…
    E poi piace immaginarmi navigante, viaggiatore tra isole.
    Insomma, permettendomi appunto, di poter sparire quando mi va o devo senza particolari spiegazioni.
    E’ una sensazione di libertà che in tutta sincerità il blog limita un po’…
    Insomma, hai presente un blogger?
    Ecco, io non c’entro nulla… ^_^

    Comunque vedremo. Per ora non posso far di meglio.

  32. va bene criticare Grillo, però io penso che sia in buona fede…
    Io penso che però dopo la critica a grillo dovrebbero seguire delle proposte…
    Perchè il paradosso è che per criticare Grillo adesso si continuino a mantenere e a giustificare quei parassiti del governo e del parlamento…
    Visto che Grillo non ha formato un partito, non me la sento proprio di criticarlo…La mia critica rimane concentrata su quei parassiti del parlamento!

  33. @serpente
    non mi pare che nella mia critica io giustifichi il parlamento o chi lo occupa.
    Non li giustifico da 15 ani, ben prima che tutti quelli che sino a 6 mesi fa idolatravano Prodi ed ora vanno a presso a Grillo.

  34. “…ben prima che tutti quelli che sino a 6 mesi fa idolatravano Prodi ed ora vanno a presso a Grillo.”

    E’ vero, ma è una presa di coscenza che il programma dell’Unione è una presa in giro…se ne sono accorti tardi ma meglio tardi che mai…io sta cosa la vedo in chiave positiva,
    penso sia umano per quelli che l’han votato cambiare opinione sul governo…
    Si possono dire tante cose di Grillo, ma io penso che la sue argomentazioni non sono qualunquiste e qualche effetto positivo lo stia già portando…
    La dimostrazione è che nonostante Grillo non stia fondando un suo partito, molti politici sembrano essere infastiditi…Io faccio le mie considerazioni al presente, non penso a Grillo nel futuro…infastidire la cosidetta casta per ora è una azione necessaria…
    ciao.

  35. Si..però mi sono abbastanza rotto i coglioni di dire “io lo avevo detto”.

    Certe prese di coscienza ritardate sono..colpevoli, perchè quando dicevo certe cose io mesi fa venivo insultato.
    Mi dicevano “ma no..sbagli..vedrai” oppure “fascista..aiuti berlusconi!”.

    Ora..toh:si prende coscienza.
    Non vorrei ritrovarmi a ridirlo fra qualche mese “lo avevo detto”, quando gli altri arrivan “tardi”.

    Meglio prima che tardi, direi.

  36. moltitudini in ha detto:

    http://molti[..] LI TAGLIA A GLI TAGLIANI!!! Nei miei precedenti post su Grillo (QUI e QUI) accennai a tracce di cultura reazionaria, regressiva, barbara e fascistoide. Lo ammetto:esagerai volutamente, calcai un po’ la mano al fine di provocare i tanti che, "d [..]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: