m0ltitudini

da bambino giocavo con le pentole

LA SINISTRA

NON ESISTE

….non nel senso -scontato- che non si dia possibile una politica connotata "a sinistra" nell’ambito istituzionale  per come "comunemente" si intende tale termine, o nel senso che non si è più in grado di dare un signficato ad esso-altrettanto scontato.
La sinistra…non esiste, materialmente…anche quella che si definisce tale.
Una premessa sul dato nazionale: sta prendendo corpo la vulgata secondo la quale l’Unione avrebbe perso al nord e tenuto altrove, con l’eccezione di Genova (dove in realtà il dato è drammatico, aldilà della vittoria al primo turno).
Di conseguenza, si dice, "c’è una emergenza nord".
Affermare ciò è ben chiaro a che serva
: circoscrivere dimensione e natura della disfatta, e quindi sostanziare ulteriori scelte a vantaggio di ricchi ed imprese, poichè si evincerebbe che il segnale di allarme  arriverebbe da "certi settori sociali" (il nord produttivo..) e -di conseguenza – a vantaggio di quei settori occorre indirizzare le future scelte (in aggiunta alla "famigghia" ruinianamente intesa, ovviamente).
A me pare che l’Unione riscontri dati negativi pressochè ovunque, fatto salvo Taranto.
Si dice "beh, Agrigento". Si, ad Agrigento il centrosinistra vince, ma.. scomparendo: il sindaco che ha vinto è un sodale di Cuffaro e nel centrodestra sino all’altro giorno. Inoltre, i partiti di  centrodestra (ora non ho i dati precisi, vado a meoria) hanno preso il 70% dei suffragi.
La "favola" dell’emergenza nord (dove secondo i traduttori di quella vulgata pare abitino solo imprenditori e  ceto medio da soddisfare abbassandogli le tasse,  e dove sembrerebbe non esistano lavoratori, precari od esclusi di varia natura messi sempre più a disagio dalle politiche dei governi che si alternano, ragion per la quale a votare non ci vanno) è chiaro quale funzione abbia.

In generale, al contrario di quanto pensavano alcuni, il voto non ha premiato una parte dell’Unione a svantaggio dell’altra: ha punito l’Unione intera, in quanto tale,  e a ben vedere nè i cosiddetti "riformisti" nè i cosiddetti "radicali"  posson riscuotere particolari crediti.

GENOVA PER LORO (2)

Si dice (per la verità lo si diceva lunedì a caldo..ora si stanno rendendo conto del contenuto di questo voto) " Genova tiene".

Un paio di "cionfoli"!
Solo un anno fa, lo schieramento che sostiene oggi la Vincenzi prese il 61%. Alle comunali del 2002 il 60%. Oggi la Vincenzi supera di poco il 50%. Se poi parliamo di voti assoluti…l’Unione ha perso solo a Genova..100 mila elettori circa in un anno (da 251.000 a 158.000).
Praticamente il 40% dei voti in 12 mesi.
la CDL non ha mai-dal 1994 ad oggi – toccato il 46% raggiunto questo week end , dato che rappresenta un risultato epocale (ma attenzione: in assoluto la destra ha perso 20 mila elettori). I sondaggi davano distacchi tra il 15 ed il 20%.
E’ stato del 5. Deaglio direbbe che c’è un borglio.
Per parlare dei partiti..veniamo alle due creature spacciate -dai creatori, pro domo..loro- come urgenze ineludibili, perchè "ce le chiede il paese": il partito democratico, e la sinistra europea-PRC.
Da dove parto? Doveroso assegnare la priorità agli amici del PRC .
Il PRC "movimentista" che preguntava caminando, prese, nel 2002, il 7,3%. Il PRC di governo e di governo, l’anno scorso, il 7,4%.
A questa tornata elettorale, il PRC si presentava allargato. D’altra parte, c’è bisogno di allargare, di unire, eccetera.
Con una fredda operazione di vertice dallo stile del tutto analogo (sebben in piccolo, ovviamente)  a quello che connnota il PD, il PRC a Genova si presentava assieme a "unione a sinistra" (un pezzo di sinistra DS uscito mesi fa) ed ambientalisti del ponente cittadino.
L’allargamento ha portato dal 7,3-7,4 degli ultimi 5 anni al 6.0%. (dato previsto  su questi schermi).
Alle politiche scorse rifondazione prese 30.000 voti.
Ieri Giacomo Conti, segretario regionale,  (ma forse ho sentito male) parlava di "tenuta".
Oggi., di voti…ne prende…LA META’.
Meno male che hanno tenuto.

Ma oltre al danno, la beffa:

Rifondazione comunista non è più in consiglio comunale.
Eh si, perchè dei tre eletti…due sono ex diessini scappati dalle fronde della quercia  in tempo per trovare altra collocazione.  Uno, Antonio Bruno, è un ambientalista, da tempo vicino a rifondazione ma comunque espressione di una cultura e di una esperienza non organiche al prc.
Due consiglieri uscenti, entrambi teste di lista, vengono clamorosamente esclusi prendendo poche manciate di voti (forse un posto si libererà nella partita degli assessorati).
Mi contengo sennò poi qualcuno si offende, però fossi un dirigente del prc mi porrei dei dubbi su che partito abbia per le mani, che grado di radicamento, qualità  e territorialità questo esprima nei territori. Gli ex diessini intanto ringraziano per il passaggio.

Ma anche la Quercia è seccata.

Altra urgenzache non si è  rivelata esattamente tale, è quella del partito democratico. Insomma….se penso ai congressi di DS e Margherita, non mi pare che il "paese" chieda il PD a gran voce.
Stiam  sempre parlando di Genova: comunali 2002, 44,5%. Politiche, 40,56% (quindi già trend in discesa  malgrado vi fosse l’entusiasmo antiberlusconiano), oggi..
34,4%.
Se il PD a Genova prende il 34%, inizio a ritenere plausibile chi afferma che nazionalmente si attesterebbe attorno ad un triste 25-26%.
L’infornata di democristiani vecchi e nuovi che ridisegna il nuovo consiglio comunale è più robusta di quanto pensassi io stesso.
L’ULIVO compie il miracolo di fare sparire o quasi i DS dal consiglio comunale regalandolo a decine di democristiani e amici della curia (che si vanno ad aggiungere a quelli del centro destra).
Grazie all’operazione "ULIVO", i consiglieri DS dimezzano:da 18 a 9. Quelli della margherita triplicano diventando ben 12. E dire che i rapporti , a Genova, tra i due partiti, sarebbero di 3 a 1, a vantaggio dei DS.
Altre menti geniali che probabilmente si chiederanno se è il caso di continuare a dirigere un partito o di andare a lavorare.
La risposta è dentro di loro, l’importante è trovarla.


 

Intanto la Turco….
…tanto per rinvigorire gli entusiasmi, e per dar l’idea di quale sia l’idea di società del "PD",  propone di mandare i NAS a spulciare negli zainetti dei ragazzini. Nemmeno Fini o Calderoli in 5 anni ne spararono una così, mi pare.
Nel programma l’Unione affermava di voler cambiare la legge sulle droghe Fini Giovanardi. Se l’impronta culturale con lsa quale la si vuole cambiare è questa, non vorrei ci si dovesse augurare che non la cambino.


Annunci

Navigazione ad articolo singolo

32 pensieri su “

  1. anche a Lissone il prc,presentandosi insieme ai verdi, ha preso il 1,6.Quando l’ho lasciato aveva da solo il 5 %.
    La risposta del csx alla disfatta elettorale è splendida: emergenza nord,cioè diventare ancora più moderati e filocapitalisti.Che minchioni!
    Turco:prima dice lo spinello non è da demonizzare e poi vuol mandar le forze dell’ordine..si decida!

  2. uffa m’è saltato un pezzo di post…..

  3. I risultati di Genova mostrano chiaramente che la gente chiede il Partito Democratico. E’ evidente, come fai a non vederlo? 😛
    Titollo

  4. sono completamente d’accordo!!!
    forse è la prima volta… 😛

  5. Secondo me l’emergenza nord esiste, ma è culturale. Occorre fare capire alla gente del NORD che se la TV gli dice che pagano più tasse di un anno fa non è detto che sia vero, ed occorre anche fargli capire che il SUV lo hanno tanto ora quanto un anno fa, così come gli immigrati e le prostitute sotto casa. Bisogna togliere ai nordici le lenti deformanti con cui vedono il mondo.
    Contemporaneamente il centrosinistra (anzi il centro) dovrebbe decidere cosa vuole fare. Se vuole governare (e spartirsi il potere) con Berlusconi gli conviene partire subito con la Grande Coalizione prima di essere definitivamente tritato, se no forse gli conviene cercare di recuperare un po’ di consenso a sinistra. Pretendere di detenere il potere con politiche di destra ed il sostegno di un elettorato di sinistra è un po’ troppo.

  6. giuro che ho provato a leggere questo post…Luka(con la K è + figo!) nn ce la posso fare!!! Quando verrò a trovarti prometti di farmi una lezione tutta riguardante il mondo della politica? Sei troppo serio, mi imbarazzi!!
    un baciotto Rob

  7. ops…ero loggata con il nick della mia amica…Rob

  8. sto andando oltre…
    non ho seguito niente di queste elezioni… niente

  9. passavo di qui…

    salutino 🙂

    teresa

  10. @titollo
    son d’accordissimo!
    @skeno
    mah…non so bene che risponderti nel senso che usiamo categorie molto diverse.
    Però se sostieni ciò che sostieni nela prima parte di intervento, significa che ritieni che quelle pulsioni siano state determinanti nella sconfitta.
    Ergo, significa che per vincere bisogna recuperlarle e ricnorrerle.
    @franco
    onorato!

  11. leghisti…zombiredivivi….
    a moltitù… bei commentatori che c’hai!
    ahahhahah.
    (c’è poco da ridere)

    poi leggo il post eh.
    intanto mi son fatta una cultura coi commenti.
    il post lo leggo a mente fresca.

  12. Io come Ucalca… e sai che ti dico? Che si fottano ‘sti politicanti. Ma come si può fare per fargli capire che c’hanno rotto?

  13. anonimo in ha detto:

    La Turco? E la figura che sta facendo l’Unione quando in campagna elettorale sbeffeggiò il Berlusca che giocava l’ultima carta di abolire l’Ici per agevolare la politica della casa per gli italiani e alleggerire il carico fiscale dei cittadini?
    Fu il famoso ultimo confronto a tempo mi pare, dove Prodi ridendo disse agli italiani che chiaramente gli italiani avrebbero capito che era promessa irrealizzabile, pura propaganda demagogica, non serietà? Il Berlusca fu deriso mesi per questa sua “patetica” carta finale per conquistare consenso. Oggi c’è Rutelli (e non solo) che martella che l’Ici va tolta, motivando con le stesse identiche cose. Ma come si fa!
    E Prodi che dice ai sindacati che “lo sciopero non deve essere usato come arma di ricatto”? Pure quella è grossa. Ma come, ci sono operai incazzati con i sindacati perchè si sentono venduti, l’opposizione dice che il Governo è ostaggio di sindacati e sinistra massimalista e lui bacchetta i sindacati? Mah.
    Alieno

  14. @alieno
    che dire….non affermi cose fuori dal mondo, direi.
    lo sciopero è poi per sua natura, politicamente, arma di ricatto.

  15. @uca
    beh io seguo perchè comunque è importante..osservare e capire cosa si muova attorno…non certo con partecipazione e anche per demistificare un po’.

  16. anonimo in ha detto:

    Appunto, per sua natura è arma di ricatto, sennò a che serve lo sciopero? Fuori dal mondo è sentire un governo “de sinistra” nella persona del suo premier che costringe i sindacati a ricordargli che è strumento legittimo e democratico… come si fa!
    Capisco il premier di cdx, ma quello di sx nonsipuòsentì!
    Il paradosso però, come ti dissi molto tempo fa, era manifesto già da quando Confindustria tifò per questo governo e siccome che io sappia, la quasi totalità dei sindacati è o dovrebbe essere quasi organica alla sinistra, mi sembra inverosimile che qualcuno sia del tutto sorpreso oggi. Mah.
    Allora si sentì Berlusca bacchettare piccato, Montezemolo. E l’Unione felice ad applaudire la scelta matura di Confindustria che bastonava il cdx.
    Anche lì che qualcosa di strano ci fosse sotto… Mah!
    Alieno

  17. La storia come al solito si ripete…destra al governo>insoddisfazione>vittoria elettorale sinistra

    sinistra al governo>insoddisfazione>vittoria della destra

    Le opposizioni parlano sempre bene sono sempre dalla parte del cittadino…ma una volta al potere avviene una metamorfosi…questo modello di democrazia occidentale è una farsa…al posto di una famiglia reale privilegiata…abbiamo questi parassiti politici a spartirsi e a fregarsi ciò che produciamo…

    sono solo una casta che va fatta sgomberare al più presto dai palazzi…
    per quanto riguarda la sinistra è da un pezzo che non esiste più…
    una vera sinistra, che piaccia o non piaccia, può essere quella di Chavez…

  18. Sinceramente queste amministrative non mi hanno entusiasmato, la politica locale ha spesso meccanismi differenti da quella nazionale e non avevo bisogno di queste sconfitte per capire che la sinistra è sempre più alla deriva. Non sono più credibili, anzi è proprio come dici tu, non esiste, mi sembra di aprire un qualcunque libro di storia, il trasformismo è una costante di questo Paese, mi vengono in mente le parole di Gramsci, come analizzava la politica italiana spiegando che qui parliamo di classe dirigente in senso stretto, un ceto che si autoalimenta e si autorecluta, cazzo, in quasi un secolo non è cambiato niente! Penso ora alle elezioni a Cagliari dell’anno scorso se non sbaglio: i candidati della sinistra erano per lo più ridicoli, il candidato sindaco era uno iper intrallazzato con i poteri forti della città, insomma si propongono gli stessi schemi, non si è alternativa, ma espressione delle stesse dinamiche oligarchiche e allora tanto vale votare a destra penserà la gente, votare il vicino di casa che ha promesso un posto al comune a mia figlia o cose simili. Dico la verità, ormai do poco peso alle percentuali, da comunista trovo abbastanza inutile e nauseante questa corsa al mezzo punto, mentre i compagni festeggiano la miseria di un consigliere in più, Ma chi se ne frega! Ormai tanto mi danno della snob perchè non partecipo a questi entusiasmi, per cui diciamocela fino in fondo, il do ut des della politica locale è emblematica di come anche la sinistra radicale sia ben immersa nelle logiche della compravendita elettorale, alla faccia della rivoluzione e delle bandiere di Lenin che amano tanto sventolare, proclamandosi più comunisti degli altri.

  19. anonimo in ha detto:

    che dire se non che sono d’accordo, sono diventata allergica ai dibattiti (televisivi) post turnate elettorali, non c’è il becco di una persona seria, tutti che interpretano anche le sconfitte ad uso e consumo dei propri fini, pensano che anche l’astensione sia dovuta a motivi che non “c’azzeccano”, chissà se si autoconvincono o se in dibattiti seri tra di loro parlano chiaro. Chissà se continueranno così all’infinito o se prima o poi qualcosa si muoverà! Mi lascia perplessa il fatto che anche l’astensione può essere usata per i loro scopi, invece di iservire ad interpretare la realtà.
    laura

  20. Io ritengo che quelle pulsioni siano state determinanti nelle dimensioni della sconfitta al nord.
    Che si perda a Varese è normale, che si perda COSI’, no.
    Ma tali pulsioni sono in parte indotte da scarsa cultura (quella per esempio che ti impedisce di capire che gli immigrati non sono solo delinquenti), in parte da cattiva informazione (quella che fti a pensare che un anno fa fosse tutto diverso perchè c’era LUI), ed in parte da un’inerzia insopportabile nell’affrontare i problemi quotidiani da parte della politica, perchè certi problemi esistono veramente.
    Non si tratta quindi di inseguire l’elettorato moderato sulla sua ignoranza/incultura ma di recuperarlo sul piano di scelte politiche chiare ed azioni conseguenti.
    Poi ci sarebbe da affrontare la questione sul come recuperare l’elettorato di sinistra. Penso che molti si accontenterebbero di vedere rispettato il Programma con cui si vincero le elezioni…

  21. @laura
    beh è ovvio che tentino di utilizzare tutto per i loro scopi.
    A leggere i giornali, oggi, tutti, ci si rende conto che il governo è morto.
    Non tanto per il risultato elettorale, che semmai è un detonatore, nemmeno per colpa dei..”massimalisti”, ma per le tensioni interne al PD ed alla guerra rutelli-podi.
    Il governo cadrà per colpa del pd.

  22. ah,mi dici partito democratico

    oh,è adinolfi non uno che passa per strada.

  23. AnelliDiFumo in ha detto:

    Tesoro, io annunciavo nei giorni precedenti il voto un “bagno di sangue per il Centro-centrosinistra”.

    E’ stato qualcosa di più.

  24. Tutta questa facceda elettorale è abbastanza penosa e sono essenzialmente d’accordo con quello che scrive moltitudini, ma un po’ di assemblee preparative della manifestazione del 9 giugno (no war day) mi hanno lasciato quasi lo stesso disgusto. Grande perplessità…

  25. Ciao Luca sono il marito di jes ci siamo conosciuti ier prima del “fattaccio” all’autogrill del Cantagallo.
    Che dire a Genova?Purtroppo la situazione non la conosco, ma ti posso dire la situazione qui di modena, a dir poco disastrosa, con un sindaco (ex socialista di Craxi, poi Pds ecc ecc voltagabbana) che si comporta come un amichetto di Montezemolo ed industrialotti della zona, che costruisce autodromi distruggendo centri sociali e (forse) gattili, che raddoppia l’inceneritore per bruciare anche i rifiuti di Bologna e raddoppiare le polveri sottili nell’aria…
    Non so, come mi avrai anche visto, sono uno che questa politica la disprezza nel modo più totale…
    Ben venga allora il partito fondato dai CARC dove i suoi rappresentanti sono al 90% precari senza nessuna esperienza politica nella loro vita!

  26. Vulimme a Chavèz!

  27. (Invo)Evoluzioni:
    da PD a DC tempo zero nanosecondi. E la disfatta è servita. Non aggiungo altro perché non credo ce ne sia necessità.
    Stiamo messi troppo bene…

  28. @sahishin statalista! 😉
    @Tornitore
    beh la situazione genovese ha le suen specificità ma fornisce spunti per ragionare sul problema complessivo.
    Però accipicchia…filo CARC non ti facevo!

  29. beh spero che non sia un problema…meglio la loro politica a favore del popolo precario che si fa il culo dalla mattina alla sera che sentire MAstella e compagnia…eheheheh…
    Anche se ho paura che una sera si presenti la polizia a casa mia e mi arresti…

  30. un passo alla volta..
    ;o)

  31. Per una volta mi trovi d’accordo con te.
    Oramai hai promesso. Io aspetto gli esiti elettorali di Kilombo. L’espulsione (che spero non ci sarà) e l’elezione dei redattori. Se si creano le condizioni per un mio rientro sono pronta a portarti con me. Sarai la più sexy spina nel fianco di Kilombo e ti affido la marcatura ad uomo su Valerio Pieroni 😉

  32. Uh, Tisbe…guarda non vedo l’ora:entrerei di corsa.
    quindi conti pure di rientrarci?
    mah.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: