m0ltitudini

da bambino giocavo con le pentole

12 maggio 1977
Giorgiana Masi.
19 anni.
Uccisa in nome della legalità di stato

mandanti: D.C. e P.C.I.
Annunci

Navigazione ad articolo singolo

17 pensieri su “

  1. Ciao Luca, ho postato anch’io su Giorgiana giorni fa….ma chi se ne ricorda, oggi è stata la grande giornata del family day, del trionfo cattolico, dell’ipocrisia. E gli assassini di Giorgiana magari erano là in mezzo, fieri del loro operato e con il crocifisso in mano. Che schifo!

  2. (…)

    Il nemico, marcia, sempre, alla tua testa.
    Ma la testa del nemico dove è,
    che marcia alla tua testa.
    Ma la testa del nemico dove è,
    che marcia alla tua testa.
    Ma che nebbia, ma che confusione,
    che aria di tempesta,
    la socialdemocrazia è
    un mostro senza testa.

    Il nemico, marcia, sempre, alla tua testa.
    Ma una testa oggi che cos’è?
    E che cos’è un nemico?
    E una marcia oggi che cos’è?
    E che cos’è una guerra?
    Si marcia già in questa santa pace
    con la divisa della festa.
    Senza nemici né scarponi e
    soprattutto senza testa!

    La socialdemocrazia non va
    a caccia di farfalle.
    Il nemico marcia in testa a te
    ma anche alle tue spalle.
    Il nemico marcia con i piedi
    nelle tue stesse scarpe.
    Quindi anche se le tracce non le vedi
    è sempre dalla tua parte.

    La socialdemocrazia è
    un mostro senza testa.
    La socialdemocrazia è
    un gallo senza cresta.
    Ma che nebbia, ma che confusione
    che vento di tempesta.
    La socialdemocrazia è
    quel nano che ti arresta.
    (Claudio Lolli)

  3. piccola postilla..
    i mandanti non erano la dc e il pci ma lo Stato, compreso un popolo senza coscienza e senza memoria che tenta di celare il suo esser rimasto legato al balconcino di piazza venezia, mentre perseguita e tiene in carcere il dissenso. come un eterno carceriere.

  4. anonimo in ha detto:

    d’accordo , Sahishin.
    Ma DC e PCI stavano con lo stato (dire “erno lo stato” sarebbe semplicistico. Ma nemmento tanto: visto che parli di carceri, tu mi insegni il ruolo del pci tra le toghe).

    Ricordare di quanto schifo il PCI è stato complice e parte non è mai troppo scontato, perchè tutt’ora c’è gente che magari parla di cossiga scrivendolo con la “K” poi ti dice quanto era bravo berlinguer.

  5. anonimo in ha detto:

    sotto sono io, eh..moltitudini.

  6. lo so bene, la legge reale, quella che ha permesso di sparare alle spalle ecc..ecc… centinaia di compagni, fu votata a maggioranza dal pci.
    io intendevo lo Stato nella sua interezza, col carico di responsabilità che è di chi ha permesso e avallato che si armasse i suoi gendarmi contro il popolo.

  7. escludi l’ultimo si

  8. anonimo in ha detto:

    eh, la legge reale….appunto.
    beh insomma, stiam dicendo la stessa cosa.
    moltitudini

  9. anonimo in ha detto:

    Sono stata ieri a piazza Navona. Non era un mare ma la gente c’era. Ed era gente vera, bella, quella che scalda, che porta speranza. Tante famiglie, nelle loro diverse normalità. Tanti credenti, nelle loro diverse convinzioni. Ognuno di noi crede in qualcosa, giusto?, perchè chiamare così solo i cattolici? Strano ritrovarmi a manifestare sotto le bandiere dei liberali e dei repubblicani, ma c’erano quelle e spostarsi, in fondo, valeva la pena? Radicali, Verdi, Associazioni per i diritti civile, culturali, studentesche.. non sindacati non rappresentanti di altri partiti. Erano altrove, a tenersi per mano, con gli occhi bassi, come di consueto. Un po’ di amarezza, pensando che si era lì a riaffermare la laicità dello stato, a manifestare per veder riconosciuti dei diritti che, a trent’anni dalla legge sul divorzio, dovrebbero essere scontati. Commozione nel ricordare Giorgiana Masi. Ricordo quel giorno, in via Nazionale quando la polizia sparò e, verso sera, la notizia che a ponte Garibaldi… E il dolore, la paura, la rabbia. E trent’anni dopo, quelli lì, a piazza S. Giovanni, le rubano la memoria…

    quella dei gatti

  10. masi,ceruso,lorusso,zibecchi,saltarelli,quanti nomi,quanti delitti impuniti.

  11. anonimo in ha detto:

    va ricordato chi ha lottato e chi lotta no chi manifesta per una cosa che in italia cè sempre stata e nessuno la mai toccata, pure nel senso economico. ieri a p.za garibaldi c era la manifestazione per ricordare giorgiana ma anche per ricordare carletto che è stato vittima della stessa ignoranza dello stato italiano.

    http://www.azadaza.splinder.com

  12. anonimo in ha detto:

    giusto ricordare

    aimfor

  13. Ricordare ha senso se serve a qualcosa, però.
    Non per la “memoria” in sè.

  14. I mandanti è arrivata l’ora di mandarceli…

  15. Beh ma si son sempre saputi, Ulive.
    Ma a berlignuer si vuole bene, se mi si passa la battuta.

  16. AnelliDiFumo in ha detto:

    Sul Ponte Garibaldi c’è per lo meno una lapide che dice cose giuste. Certo, potessi tornare indietro, farei volentieri a cambio: allo Stato la lapide e alla comunità Giorgiana.

  17. cossiga ha dichiarato di conoscere l’esecutore del delitto…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: